Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

AL MOTTO «il basket è bello solo se lo si fa a Ferrara», ieri Roberto Mascellani ha inaugurato il raduno del Basket Club, la prima compagine tra serie A e Legadue che inizia a lavorare in vista del campionato che partirà il 5 ottobre. Pochi volti nuovi, il solo Mykal Riley, comprensibilmente spaesato ma applaudito a lungo, e l’esperto Max Rizzo, e tante facce sorridenti di chi lo scorso 14 aprile a Fabriano conquistò la promozione. Con le assenze giustificate di Collins, Jamison, Ebi e Mazzola, è toccato a Farabello (sarà lui il nuovo capitano, anche se manca ancora l’ufficialità) e compagni catalizzare l’interessi dei tanti tifosi che hanno pacificamente invaso il centro Kleb in una torrida domenica di agosto. La «luna di miele» post promozione tra Basket Club e Ferrara prosegue e ieri se ne è avuta un’ulteriore riprova. Per il Comune erano presenti gli assessori Davide Stabellini e Roberto Polastri (quest’ultimo in veste non ufficiale, ma di tifoso che non perde mai una partita al Palasegest), per la Cassa di Risparmio Agnese Scopa e Stefano Zecchi, dell’ufficio marketing. E la società, con Sandro Crovetti in veste di cerimoniere, era presente anche con il vicepresidente Alvaro Orpelli e con il consigliere Enrico Brandani.
«Non sarete un fulmine a ciel sereno, e sono convinto che l’anno prossimo ci ritroveremo di nuovo qui», è stato l’auspicio lanciato dall’assessore Stabellini, al quale ha replicato Mascellani.
«La nostra forza è sempre stata il gruppo — ha detto il numero uno bianconero — e sono sicuro che solo così potremo avere successo anche ad un livello molto più elevato come la serie A». La festa poi si è trasferita al Bagno Schiuma del Lido di Spina, dove a fare gli onori di casa c’era il vicepresidente Paolo Bruschi con i consiglieri Ambrosone e Potena, oltre al presidente della Fondazione Carife Sergio Lenzi, accompagnato dalla famiglia, ed alla responsabile relazioni esterne della Carife Rita Minarelli. Anche a Spina erano in tanti ad attendere Valli ed i suoi, desiderosi di scambiare quattro chiacchere e scattare foto e autografi di rito. Un bagno di entusiasmo insomma, che non aspetta altro che inizi il campionato.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.