Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Giorno di vertice di mercato a Casteldebole. Al centro tecnico tutto lo staff degli osservatori, dal responsabile Polenta a tutti i suoi collaboratori, ma soprattutto l’ammissione da parte del Direttore Sportivo Fabrizio salvatori, che la società è alla ricerca di giocatori, è ben prima di gennaio, giorno della riapertura del mercato.
Per questo lui stesso ha fatto i nomi di De Rosa, Bertotto, Couto e pure Pavan e del centrocampista della lazio Mutarelli, inseguito da diverse squadre ma sul quale pende la decisione della Lega se può o meno considerarsi svincolato. Dunque una bella differenza rispetto a quanto non più di una settimana fa la presidente menarini ha dichiarano ai nostri microfoni.
Probabile che sia stato lo stesso Mihajlovic a chiedere rinforzi per potersi giocare con buone possibilità le proprio carte in queste cinque partite fondamentali. Cesar dunque, ma subito anche un centrale e Mutarelli. Serve un giocatore d’esperienza che sappia staccare di testa e possa fare la differenza in mezzo all’area. Allora le voci dicono che il Bologna abbia già preso contatti con Couto, mentre uno come De Rosa ha sempre avuto il vizietto non solo di difendere ma pure di segnare.
A gennaio, poi, si penserà alla punta che dovrà essere uno simile a Di vaio, cioè uno che abbia una buona dose di esperienza. Quasi certamente sarà italiano, perché anche lo stesso Mihajlovic non vuole rischiare un sudamericano con lunghi tempi di ambientamento. Possibile, invece, un giocatore comunitario, ma questi sono discorsi più lunghi, che si faranno da metà dicembre. Se il Bologna riuscitrà ad inserire tre pedine che possano dare esperienza e maggiore sicurezza il discorso salvezza non sarebbe poi così lontano

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.