Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Chi l’avrebbe mai detto: il Bologna quinto nelle ultime diciassette giornate di campionato. Una soddisfazione che bisogna condividere con tutti, da chi ha creato un bel progetto tecnico senza però averne le basi economiche per consolidarlo, cioè Porcedda, a chi materialmente l’ha costruito, Longo, a chi ha sistemato la situazione per permettere a tecnico e giocatori di poter continuare questa magnifica avventura, che è la nuova proprietà. E domani c’è una gara che potrebbe davvero valere molto. Fare tre punti vorrebbe dire avere la salvezza quasi matematica a un terzo del campionato ancora da giocare, ma non bisogna sognare ma pensare che con la Roma Malesani non ha ancora le idee molto chiare a causa dei diversi infortuni e squalifiche. Nell’ultimo allenamento prepartita è stato provato in difesa prima lo schieramento con Casarini difensore destro, un esperimento che il tecnico vuole provare presto, Cherubin ed Esposito centrali, mentre Rubin è rimasto al suo posto. Quindi ha provato ad inserire Britos per Esposito, che potrebbe spostarsi a destra, mentre a centrocampo è stato inserito Buscè a centrocampo insieme a Mudingayi e Della Rocca, con Ramirez, Di Vaio e Paponi, che è poi stato sostituito da Meggiorini. Dunque sembra che Malesani stia aspettando verso il recupero con la Roma delle 18.30 di domani, soprattutto un ok medico, visto che comunque, sabato sera si torna nuovamente in campo al Comunale di Torino con la Juventus.
In casa Roma due settimane di stop per Perrotta, Montella potrebbe esordire con il 4-2-3-1, con Totti unica punta e dietro le sue spalle Taddei, Simplicio e Vucinic, ma pure con Borriello che scalpita in panchina. A quattro la difesa, con Julio Sergio o Doni a difendere i pali, Cassetti e Riise gli esterni, e Juan e Mexes i centrali, mentre a protezione della difesa sono chiamati De Rossi e Brighi, una formazione che sulla carta dovrebbe essere in grado di competere per lo scudetto e dunque fermata probabilmente solo da un blocco psicologico. La curiosità è che domani si ricomincerà dal minuto 17 ed esattamente dalla battuta del calcio d’angolo concesso dall’arbitro ma mai battuto dai rossoblù.

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.