Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Se impresa ardua doveva essere, ora lo sarà ancora di più. Ballardini, infatti, dopo Krhin ha perso anche Kone, che nell’allenamento di ieri ha sentito un fastidio alla cicatrice del guaio muscolare che lo ha tenuto fermo a lunga e questa mattina non ha neppure svolto la rifinitura prima della partenza per Torino e dunque non è neppure stato convocato. Ecco, così, che il giocatore che negli ultimi due incontri aveva dato una marcia in più ai rossoblù esce di scena, con la speranza che, come Krhin, tutto possa servire per essere pronti sabato 26 contro la Fiorentina. Intanto, domani sera, allo Juventus Stadium sarà un Bologna tutto da scoprire, con l’inserimento fin dall’inizio dei due acquisti di gennaio: Friberg giocherà da mezzala destra, con Ibson trequartista dietro a Cristaldo. Nella rifinitura è stata provata anche l’alternativa con il brasiliano mezzala e Cristaldo assieme ad Acquafresca, ma il 3-5-2 sembra avere meno possibilità della soluzione precedente. Per il resto davanti a Curci il trio Antonsson, Natali e Cherubin, con Garics e Morleo esterni, quindi Friberg, Pazienza e Lazaros, con Ibson e Cristaldo di punta. Partirà ancora dalla panchina capitan Perez, che senza Kone dovrebbe lasciare la fascia a Cesare Natali.
Nell’intervista prepartita Ballardini è sembrato più sereno di altre circostanze, forse consapevole che la sua squadra ha praticamente tutti i risultati a disposizione e che solo una sconfitta di grandi proporzioni metterebbe qualche problema, soprattutto psicologico, nei suoi, perchè, comunque, la vittoria del Bologna è data a 15 e pensando che finora tra le mura amiche la Juve ha ottenuto 16 vittorie su altrettanti incontri, l’unica alternativa che può essere messa sul piatto è la legge dei grandi numeri, per cui prima o poi anche i grandi devono cadere.
E’ vero che in casa Juve mancano Bonucci, Barzagli e Lichsteiner, ma è pure vero che pure il Bologna senza Kone e Krhin perde buona parte del suo potenziale.
Dunque, forse, il Bologna spera più sulla vittoria del Chievo con il Sassuolo e del Milan sul Livorno che nei propri mezzi, sperando, tra le mura amiche, di riprendere il cammino salvezza con la Fiorentina.
Nello stesso momento è chiaro che tutti i tifosi vorrebbero come regalo dall’uovo di Pasqua una bella sorpresa domani sera e almeno nella designazione arbitrale le premesse ci sono visto che Giacomelli di Trieste in questa stagione non ha ancora visto il Bologna uscire sconfitto.
Seguiremo l’incontro domani dalle 18.00 su Telesanterno con Il Pallone Gonfiato Live con Alberto Bortolotti e i suoi ospiti, quindi domani sera dalle 20.45 il Pallone Gonfiato classic con la coda dedicata alle interviste di Virtus-Varese in programma alle 20.30.
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_20140418_ok.mp4

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.