Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Chissà se davvero Mihajlovic cambierà ancora modulo. Del resto il buon inserimento di Osvaldo può essere una delle mosse più importanti dell’anno. Oramai è chiaro che Di Vaio in coppia fa fatica e dunque è giusto che l’ex attaccante viola possa essere utilizzato in modo da essere una risorsa in più e non un obbligo di mercato. Allora il 4-2-3-1 potrebbe essere un modulo utile, con un buon compromesso potendo metetre due uomini a protezione del reparto difensivo, mentre attaccare con quattro effettivi dà l’impressione comunque di un potenziale di buona qualità. Per quanto riguarda la scelta dei nomi molto dipenderà dall’infermeria. Chiaro che Volpi e Mudingayi davanti alla difesa sarebbero gli elementi più adatti, ma le condizioni del primo saranno valutate solo in settimana dopo aver saltato la Fiorentina per un problema muscolare.
Tra i trequartisti i più indicati potrbbero essere Valiani, Amoroso e lo stesso Osvaldo, ma rientrano in questo reparto anche Adailton, Rodriguez e Cesar.
In difesa da valutare il problema muscolare che ha fermato ieri Terzi. Nell’ipotesi debba saltare l’incontro è pronto Castellini che ha da tempo risolto i suoi problemi e da chioccia attende solo di poter mettere a disposizione di Mihajlovic la propria esperienza
Se poi il tecnico vorrà schierarsi come l’Udinese dovrà invece riproporre il 4-4-2, visto che questo è il nuovo modulo utilizzato da Marino. Squalificati Quagliarella e Ferronetti, in avanti si affiderà a Di Natale e Floro Flores, con a disposizione anche Sanchez e Pepe. Se così sarà il Bologna potrebbe utilizzare la stessa formazione che si è ben comportato con l’Atalanta, formazione più difensiva, ma che ha già dato buoni frutti.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.