Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Ora che la mitica quota 40 è arrivata è bene non fermarsi. La china negativa che vedeva i rossoblù non vincere da quattro partite è stata risalita. Lo sforzo non è stato indifferente, perchè l’1-0 è stato ottenuto con tanto sforzo fisico e mentale e soprattutto con tanto carattere, ma è chiaro che le forze cominciano a farsi sempre più deboli.
La partita con il Siena viene però subito dopo un grande risultato e crediamo abbia ragione il vice di Pioli Murelli, quando ieri sera ha detto che l’entusiasmo per un primo traguardo raggiunto potrebbe essere determinante per chiudere definitivamente una pratica, quella della salvezza, che dovrebbe essere certa con altri tre punti, un impresa non certo titanica a sei partite dalla fine. Quando si arriverà a 43, poi è facile pensare a farsi ingolosire andando a toccare quota 45 che è il primo traguardo per i premi promessi dalla società.
A proposito della società dai rumors si è oramai passati alla certezza: a inizio della settimana prossima arriverà l’offerta da parte di Volpi di circa 22 milioni di euro, dicono i giornali ben informati, per la totalità del pacchetto azionario. Il Bologna potrebbe intavolare una trattativa per 27-28 milioni, potendo così rientrare della cifra spesa e far rientrare con una discreta plusvalenza tutti i soci che un anno e mezzo fa hanno partecipato alla salvezza della società. Per questo basterà aspettare qualche giorni e senza fare tanto rumore, si capirà se davvero il Bologna potrà passare ad un facoltoso presidente, oppure dovremo mantenere l’onesta e comunque valida compagine societaria, dalla quale, comunque, è appena uscito Consorte e a fine stagione dovrà fare a meno anche di Setti.
In tema squadra, in Toscana torna Marco Di Vaio, con Garics a destra e Ramirez dall’inizio. Una mezza rivoluzione utile per far tirare il fiato a qualcuno, che sente la pesantezza di un campionato oramai agli sgoccioli. Dall’altra parte mancano per squalifica Pegolo e Contini, mentre per infortunio Angelo e Calaiò. 4-4-2 lo schieramento di Sannino, con Brkic in porta, davanti a lui Vitiello, Terzi, Rossettini e Del Grosso, quindi a centrocampo Giorgi, Vergassola Gazzi e Brienza, quindi in avanti Larrondo e Destro.
La partita è stata affidata all’arbitro Calvarese di Teramo coadiuvato dagli assistenti Giallatini e Pegorin e dal quarto uomo Giancola. Noi seguiremo l’incontro domani con la presentazione e domenica con il post partita a partire dalle 18.00 durante sabato e domenica sport.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.