Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_20161215.mp4

Donadoni ci sperava, ma anche oggi Federico Di Francesco si è allenato a parte. Dunque mancano solo tre giorni all’incontro con il Pescara e se l’esterno dovesse dare forfait, considerando che in infermeria rimangono Rizzo, Verdi e Sadiq, l’attacco rossoblù sarebbe davvero contato all’osso. Ovvero rimangono a disposizione Destro, Krejci e Mounier. All’inizio stagione poteva anche essere un trio di tutto rispetto. Ora la condizione fisica e un’autostima sempre più al ribasso, fanno sì che l’attacco che si presenterà allo stadio Adriatico non possa certo essere indicato come il migliore a disposizione della rosa di Donadoni. Il quale in questi giorni sembra un po’ sulla graticola. Non certo perchè rischia l’esonero, ma per un suo possibile disimpegno al termine della stagione per vedute diverse tra lui e la società soprattutto rispetto agli obiettivi e agli uomini con cui ottenerli.
Si vedrà già dal prossimo mercato. L’unico vero nome fatto dallo staff tecnico è quello di Biabiany. Non certo un bomber, ma è colui che, come faceva Krejci all’inizio, salta l’uomo per creare quella superiorità molto utile per un attacco asfittico. Dunque è quasi certo il loro utilizzo fin dall’inizio. Nello stesso momento diventa non solo un’ipotesi, l’idea di utilizzare Dzemaili in posizione più avanzata, come già accaduto, nel caso in cui Donadoni decidesse di irrobustire il centrocampo. Certo, in vista di una partita contro una squadra in disarmo e in piena crisi anche verso la tifoseria, potrebbe sembrare un segnale di attesa e non certamente di convinzione per arrivare alla prima vittoria esterna di stagione. Donadoni anche nella seduta odierna, svolta nel campo dietro alla palazzina in costruzione e non visibile dal pubblico, non ha avuto Helander, ancora fermo per l’influenza, ma ha ritrovato a tempo pieno Masina, che ha completamente smaltito la contusione al gluteo ed è tornato in gruppo.
Dunque, considerando il buon rientro di Krafth che dovrebbe riprendere la fascia destra, si giocano una maglia a sinistra lo stesso Masina con Torosidis, mentre al centro è confermata l’esperta coppia Maietta e Gastaldello. Centrocampo con Taider, Nagy e Dzemaili e trio d’accatto come prima indicato. A meno che lo svizzero non venga inserito come finto trequartista per inserire uno stra Pulgar e Viviani davanti alla difesa. Arbitrerà l’incontro Rocchi di Firenze, mentre sembra decisamente fredda anche la prevendita per il settore ospiti. Certo le ultime prestazioni, l’avversario e il fatto che da gennaio ci saranno partite di altissimo livello soprattutto tra le mura amiche, portano a non guardare a questa meta come la migliore, ma è chiaro che comunque almeno 300-350 tifosi saranno presenti.

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.