Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il Bologna si divide: tra 48 ore c’è una partita, quella di Brescia, che potrà dire molto sulla conclusione del campionato rossoblù. Gli scommettitori hanno già dato le loro quote, ovvero le motivazioni del Brescia decisamente superiori a quelle dei rossoblù, ma come sempre durante quest’annata i ragazzi di Malesani dovranno riuscire a smentire quelle che sembrano solo cattiverie. Sul campo il Bologna dovrà fare a meno di Mudingayi, ancora alle prese con un problema muscolare e Gimenez, mentre tornerà Ekdal, che potrebbe tornare alle spalle di Di Vaio e Ramirez o Meggiorini, con Della Rocca accanto a Perez e Mutarelli, mentre in difesa si va verso la conferma di Casarini terzino destro, con Portanova e Britos centrali, mentre Rubin sarà confermato a sinistra. Possibili gli esperimenti di Krhin e Cherubin durante l’incontro.
Intanto in società si pensa al contratto di Malesani: alzi la mano chi tra i soci non vorrebbe sottoscrivere un annuale, anzi, se fosse possibile, qualcuno firmerebbe pure un semestrale. Ma bisogna essere concreti, se si vuole andare incontro alla volontà del tecnico e che dunque rimanga a Bologna felice di questa scelta, sarà d’obbligo un biennale, che però dovrà avere paletti ben precisi, ovvero la certezza del secondo anno al raggiungimento di certi obiettivi. Così come è probabile che vengano inseriti incentivi economici a seconda della posizione in classifica. Perché Malesani accetti queste imposizioni e dunque affinchè si metta in gioco e non si sieda, è necessario che la società gli dia precise garanzie tecniche visto che lui sa bene che una stagione come questa, nella quale tutti hanno dato il 130%, difficilmente ricapiterà, dunque per ripetersi è necessario migliorare l’organico. Nello stesso momento acquistare giocatori bravi vuole dire investire molto, cosa che non combacia con le poche risorse a disposizione dei rossoblù. Per questo la presenza di Longo diventa indispensabile. Di lui Malesani si fida e sa che è capace di arrivare a giovani bravi e non ancora troppo costosi. Insieme possono essere il binomio vincente per un Bologna senza più problemi economici e dalle buone prestazioni sul campo.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.