Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il Comune di Bologna fa un passo in avanti in direzione dei contribuenti e posticipa il pagamento della prima rata della Tasi. I bolognesi potranno versare l’imposta entro il 31 luglio senza incorrere in sanzioni. Attenzione, la proroga vale solo per la Tasi, dunque per Imu e Tari la scadenza resta il 16 giugno. L’annuncio è arrivato per bocca della vicesindaco Silvia Giannini che ha spiegato come, anche dai Caf, siano arrivate richieste di allungamento dei tempi di pagamento della nuova imposta. “Così – ha sottolineato – si tranquillizzano contribuenti e operatori.
Sugli errori nei bollettini però la vicesindaco ci tiene a rimarcare che “non c’è nessuna emergenza” e che “è stato fatto troppo allarmismo. Siamo consapevoli – ha aggiunto – che, essendo la prima volta di un”imposta nuova, se si genera il panico e se qualcuno alimenta il panico, poi si rischia di creare ancora più difficoltà”. “Se ci sono errori nei bollettini il versamento verrà in ogni caso considerato valido”. E ancora: “L”operazione che stiamo facendo è davvero molto innovativa e unica in Italia; dobbiamo esserne orgogliosi”. Da dove sorgono gli errori nei bollettini? Non da calcoli nel tributo ma dai dati catastali non aggiornati o dalla difficoltà di abbinare le pertinenze all’immobile principale. Per questo i cittadini devono verificare, in questo modo anche le banche dati saranno correttamente aggiornate.
E sul sito web del Comune di Bologna è attiva l’applicazione che consente di calcolare l’importo dovuto per la TASI e anche per l’IMU, sulle abitazioni diverse dalla prima casa. Da lì si potrà generare il bollettino F24 per il pagamento.

Categoria: Economia
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.