Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Morì per avere impedito a un ladro di rubare un’automobile dalla sua officina. A un anno dall’omicidio di Quinto Orsi, il meccanico di 72 anni schiacciato dalla violenta retromarcia della Fiat Punto rubata dalla sua autorimessa, ecco la sentenza. 16 anni di carcere per Sonic Halilovic, ventenne di origini Rom, accusato di omicidio volontario per avere investito e ucciso il meccanico. Il pm Beatrice Ronchi aveva chiesto una condanna a 16 anni, la stessa decisa dal Gup Andra Scarpa. “Non c’è mai soddisfazione per un padre che non c’è più”, ha detto Fabio Orsi, il figlio del meccanico ucciso, presente in aula, testimone della morte del padre.
“Anche se gli davano 50 anni – ha aggiunto Fabio Orsi – mio padre non me lo restituisce nessuno”. In precedenza la famiglia Orsi aveva avuto un risarcimento dall’assicurazione. Il difensore di Halilovic, l’avv. Alessandro Cristofori, ha annunciato appello. “Siamo convinti – ha detto – che la dinamica sia stata quella di un evento colposo. Non è perché un fatto è drammatico e colpisce la collettività che deve essere per forza doloso. Poi, ovviamente, lo stabilisce il giudice”.

Categoria: Cronaca
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.