Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il Bologna strappa un ottimo pareggio, 1-1 a Udine, e continua la sua scalata verso la salvezza. Bello il primo tempo, con l’Udinese che parte forte ma si spegne in fretta. La scuola di Malesani è un compito in classe senza sbavature: squadra robusta e solida, niente fronzoli, mentre Inler, Pinzi e Asamoah provano a giocare di fioretto. Se la cartina di tornasole del confronto tra le due scuole fossero le occasioni da rete, gli applausi andrebbero ai ragazzi di Malesani. Intorno al 10′ i due minuti che potrebbero cambiare l’inerzia del confronto. Il boxeur che prova a stendere l’Udinese è Meggiorini, non una ma due volte: prima, con girata a volo di sinistra (salva Belardi); subito dopo, con colpo di testa, sul quale Inler salva sulla linea. Il Bologna, bello compatto, al 15′, impreca quado Di Vaio (assist di Meggiorini), si ritrova sui piedi il gol: il diagonale è inguardabile. L’adrenalina per un possibile-gol si trasforma in amara, amarissima, delusione. L’Udinese riaccende la luce, e si lascia alle spalle il black-out di una decina di primi. Di Natale divora l’1-0 (al 25′), ipnotizzato solo davanti a Viviano. Totò se non sa essere bomber, è però giocoliere: guardare per credere la magia del 39’ con cui rifinisce per un Armero (in inserimento sulla sinistra): arriva come un tir, e non trova il pedale del freno. La conclusione somiglia a un tamponamento in autostrada su corsia di sorpasso. La ripresa inizia come era cominciata la partita. A segno per i rossoblù ancora un avolta Marco Di Vaio, che al 20′ della ripresa porta in vantaggio i rossoblù. Prende palla a ridosso del limite dell’area friuliana, da fermo inganna Zapata e il suo diagonale supera Belardi. Nemmeno il tempo di ripartire che Di Vaio serve a Meggiorini la palla del raddoppio: il centravanti rossoblù arriva tardi, e non aggancia. Questione di centimetri. L’Udinese non ha voglia di spegnersi nè di mollare. Minuto numero 32: Di Natale da calcio di punizione invita Domizzi al gol, l’ex difensore del Napoli è l’uomo del pronto-subito e sempre: è il colpo che spegne l’illusione del Bologna. Nel finale (al 40′) Meggiorini si divora il 2-1; poi (al 46′) Di Natale spara sul muro dei difensori rossoblù. Un’occasione per parte. Uno a uno. Ok, il punteggio è giusto

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.